giovedì 4 settembre 2008

L'albergo delle donne tristi


Se un giorno vi capitasse di andare in Cile fate un salto all'Isola di Chiloè.

Non sono,anche se lo vorrei tanto,un viaggiatore letterario , come amano definirsi Bruce Chatwin e Paul Theroux negli appunti di "Ritorno in Patagonia".
Ma sento anchio lo stimolante invito di un posto che mi racconta un libro che ho amato.
Cosi è in questi miei viaggi in America Latina, con i racconti e i romanzi di Melville,Chatwuin,Sepulveda o le poesie di Neruda.

Il romanzo di Marcela Serrano "L'albergo delle donne tristi" è un amore recente ma essenziale al mio arrivo nell'isola di Chiloe':

" l'amore è diventato un oggetto sfuggente, è l'ultimo pensiero di Floreana davanti alla scritta " benvenuti a Chiloe'.
Lo sgangherato pulmann entra in paese e Floreana guarda fuori dal finestrino,incantata dalla brillantezza dell'azzurro : si era completamente dimenticata del cielo.Scende e si sgranchisce le gambe. Sente addosso tutto il peso del viaggio, sommato al rollio del traghetto che collega Puerto Montt all'isola e all'infinita' di stradine sterrate percorse dalla corriera per raggiungere il paese in cui si trova l'albergo.
Si sente riconoscente verso la brezza leggera che le soffia via la stanchezza dal viso e pensa a quanto le sarebbe piaciuto potersi sentire sempre cosi.
Poter essere leggera."

Sono sceso anch'io dal traghetto come Floriana , la protagonista del romanzo di Marcela L'albergo delle donne tristi.
Ho cercato l'insolito albergo e credo di averlo trovato , almeno ,mi piace pensare che sia questo .
E'una casa di legno pitturata di giallo e aggrappata ad un piccolo pendio si affaccia assolata sull'oceano.
Sono andato a sedermi in un muretto li' accanto e ho pensato che se Marcela ha scelto questo posto per raccontare storie di donne comuni accomunate tutte dalla tristezza e dalle cicatrici del disamore deve esserci una ragione . Ma rimane solo sua.
Il romanzo e' dedicato alle donne .
E donne sono le creature della mitologia dell'isola di Chiloè.
Pincoya è la splendida dea della fertilita'e prosperita' che danza seducente e nuda sulle acque dell'oceano.Al termine della danza se volge lo sguardo verso il mare il futuro portera' abbondanza e amore , se invece guarda verso terra saranno guai.Poi c'è Caleuche . E' una nave fantasma piena di streghe che va sopra e sotto l'acqua ,le streghe vanno incontro agli uomini cattivi e dopo averli resi folli scompaiono nelle onde .
Racconterò un'altro giorno di quest'isola .

6 commenti:

  1. Caro Tito,
    credo che metterò quest'opera tra i libri che leggerò...
    Mi hai stuzzicato la curiosità.
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Come mai hai messo la moderazione? Hai avuto dei problemi?
    Anch'io l'avevo messa per un certo periodo perchè mi arrivavano messaggi impropri, indesiderati e assolutamente fuori luogo (per non dire altro!!!). Da un po' di tempo va tutto bene e non è più stato necessario!!!
    Spero non sia successo niente di spiacevole.
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Trovo molto divertente l'idea che gli uomini perdano il senso della ragione, o quantomeno del loro modo di ragione ! Il libro ritengo sia una visione poetica e realistica della vita femminile, la scena un luogo simbolico accomuna le esperienze in maniera globale, del ritrovare le proprie radici e la fiducia in se stesse, malgrado tutto e malgrado percorsi comuni, un po' provati, dei sentimenti.
    Come sempre, sei di grande stimolo ai nostri pensieri!
    Frances

    RispondiElimina
  4. Comincio stasera a leggere il libro... Ti farò sapere!!!
    Un abbraccio forte forte
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Ciao... io vorrei fare un viaggio da sola in un posto per donne descritte nel libro... potresti indicarmi il luogo?
    Sara

    RispondiElimina
  6. Uno dei libri che amo di più al mondo..inoltre hai realizzato uno dei miei più grandi desideri che spero al piu presto di realizzare anche io!

    RispondiElimina